QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 24°27° 
Domani 22°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 22 agosto 2017

Politica giovedì 01 dicembre 2016 ore 16:28

Rio nell'Elba nuovo comune capofila della GaT

Quasi unanimità per il passaggio di testimone fra Ruggero Barbetti e Claudio De Santi, Portoferraio unico comune astenuto dalla votazione

PORTOFERRAIO — Stabilità e continuità: sono questi i vettori ideali che hanno portato all'elezione di Claudio De Santi alla guida della Gestione Associata del Turismo elbano.

L'utilizzo delle strutture tecniche di Capoliveri, comune che fino al 15 febbraio 2017 rimarrà nominalmente capofila, e l'esistenza di numerose gestioni associata comunali fra le due amministrazioni che si passano il testimone della promozione turistica isolana, sono state le carte vincenti di un'incoronazione annunciata e che ha visto nella sola Portoferraio il voto contrario.

Il filo conduttore della votazione è stato uno: squadra che vince non si cambia. E conseguenti sono state le dichiarazioni di voto dei sette amministratori favorevoli (ha espresso parere positivo anche il commissario prefettizio di Campo nell'Elba, Salvatore Parascandola che per cortesia istituzionale è stato fatto votare per ultimo).

Un'elezione che ha vissuto momenti di altissima tensione, con il sindaco Mario Ferrari che ha abbandonato l'aula in aperta polemica, ma che è finita come si sapeva, dati gli appoggi certi di cinque sindaci bastanti a far passare la mozione De Santi con la maggioranza richiesta.

Il presidente uscente, Barbetti, ha aperto la seduta specificando che, per problemi di super lavoro, i tecnici comunali non potranno perfezionare le pratiche entro il 31 dicembre come stabilito in primo momento, si andrà quindi alla scadenza naturale della convenzione della Gestione Associata il prossimo 15 febbraio quando avverrà il cambio di guardia.

"Ribadisco che non voglio continuare questa mia esperienza - ha affermato in apertura Barbetti - che tuttavia mi ha arricchito umanamente, resto comunque a disposizione del mio successore per appoggio e consigli, se vorrà".

Una voce fuori dal coro è stata subito quella di Renzo Galli di Rio Marina, il quale aveva pure avanzato la propria candidatura proponendo un'esternalizzazione della GaT, salvo poi non riscontrare l'appoggio dei colleghi su questa linea: "Nessuna preclusione a Rio nell'Elba, ma chiedo spiegazioni circa un fatto: usando le strutture tecniche di Capoliveri, i funzionari a quale sindaco rispondono?".

Chiarito il punto, arriva l'appoggio di Luca Simoni: "Penso che Capoliveri sia l'unico Comune strutturato quindi non ci sono alternative a Rio nell'Elba che può usufruirne, è una partita che dobbiamo chiudere in fretta, siamo già in ritardo con la programmazione".

Dopo un passaggio in cui Barbetti ha riportato come, nei mesi di settembre e ottobre, ci sia stato un aumento degli introiti da tassa di sbarco del 20%, Andrea Ciumei è intervenuto pro Rio: "Quella di Capoliveri è stata una guida più che positiva, giusto quindi appoggiare Claudio e la candidatura".

Stessa linea per Daniel Giacomelli, vice sindaco di Marciana: "Saremmo pazzi a cambiare una cosa che funziona, la continuità è la scelta giusta". Detto di Parascandola che ha appoggiato la decisione ormai presa a maggioranza, le dolenti note sono arrivate con Portoferraio.

Quando Mario Ferrari ha preso la parola i toni si sono immediatamente accesi: "Non sono d'accordo con la continuità che incarna Rio nell'Elba ma dato che avete già deciso non resta che astenermi - ha affermato il sindaco rivolto ai colleghi - del resto il cambio al vertice l'ho appreso dalla stampa, nessuna comunicazione è arrivata ai nostri uffici".

E' uno scenario di accerchiamento quello che dipinge il primo cittadino: "Se ormai cinque Comuni hanno già scelto, questo tronca qualsiasi possibilità di ulteriore discorso, prendo atto della vostra convinzione e a questo seguiranno scelte che tuteleranno la comunità di Portoferraio".

Una vaga minaccia che ha immediatamente scatenato le reazioni dei presenti fino al punto di rottura in cui Ferrari ha abbandonato l'aula. Dopo esser rientrato "per rispetto al commissario che deve ancora parlare", Ferrari ha ribadito come: "C'è un accordo fra di voi che esclude qualsiasi discussione".

Claudio De Santi, incassato il voto di fiducia quasi all'unanimità, commenta: "Le gestioni associate con Capoliveri hanno finora funzionato egregiamente, sono contento di poter aiutare l'Elba ma è un rischio quello che corro accettando l'incarico: i risultati raggiunti fino ad oggi sono molto buoni e non posso permettermi di sbagliare. Non ho mai chiesto una carica per me ma questo passo è per continuare un percorso che ha funzionato bene".

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata

Tag