QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 19°33° 
Domani 18°31° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 31 agosto 2016

Attualità venerdì 29 gennaio 2016 ore 14:27

"Pene troppo lievi per i pescatori di frodo"

Legambiente commenta la multa comminata al comandate del peschereccio sorpreso a pescare nelle acque della riserva naturale di Montecristo

PORTOFERRAIO — Legambiente Arcipelago Toscano si complimenta con il Corpo forestale dello Stato e il Parco nazionale ma rileva che "per un reato gravissimo, la pesca illegale a strascico in un’area marina protetta integralmente e addirittura probabilmente a una distanza proibita dalle stesse leggi ordinarie sulla pesca, al comandate del peschereccio è stato comminato solo il minimo della sanzione pecuniaria. Un’inezia rispetto ai guadagni che i pirati del mare riescono a fare con una sola calata nelle acque integralmente protette di Montecristo o Pianosa".

Secondo il cigno verde: "I bracconieri erano all’opera davanti ad un’isola insignita con Diploma europeo per la protezione dell’ambiente e in un mare integralmente protetto che l’Unione europea ha dichiarato Zona di protezione speciale, una delle poche ancora presenti in Italia.

In altri Paesi per il saccheggio del mare protetto le pene sono molto più dure, a cominciare dal sequestro dell’imbarcazione e dalla revoca della licenza di pesca. Fino a che, con le leggi esistenti, si potrà procedere quasi impuniti al saccheggio del mare nessuno fermerà davvero i bracconieri della nostra bellezza e della nostra biodiversità e così anche la preziosa attività delle forze dell’ordine e i costosi mezzi tecnologici di controllo messi in atto dal Parco rischiano di risultare inefficaci".

Tag