QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 11°27° 
Domani 23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 29 settembre 2016

Attualità mercoledì 02 marzo 2016 ore 14:41

Il Comune cerca parcheggi per le spiagge

La giunta comunale ha approvato la ricerca di terreni privati da adibire a parcheggi a supporto delle spiagge per la prossima estate

PORTOFERRAIO — Non solo le Ghiaie ma è un'azione a tutto tondo quella che ha intrapreso l'amministrazione comunale di Portoferraio sul fronte parcheggi.

Nella scorsa riunione di giunta infatti è stato licenziato un atto di indirizzo che apre alla ricerca di spazi adiacenti alle spiagge più frequentate del territorio comunale da trasformare in parcheggi. Un'esigenza che si è palesata più volte durante la scorsa estate quando numerosi furono gli interventi, anche da parte della Prefettura, che invitavano l'amministrazione a trovare soluzioni all'invasione delle auto parcheggiate a bordo strada.

Il Comune, secondo quanto commenta l'assessore alla mobilità Adalberto Bertucci, avrebbe già raccolto la disponibilità di alcuni privati a aderire all'iniziativa.

L'atto, titolato "Aree da destinare a parcheggio temporaneo a servizio delle spiagge per il periodo della stagione balneare dal 15.05.2016 al 30.09.2016" detta delle linee guida molto nette per quanto riguarda le caratteristiche che queste aree devono avere: "Accesso diretto, esistente o da realizzare con semplice limitato riporto di materiale arido da viabilità pubblica, terreno in piano o leggero declivio, assenza di necessità di interventi di eradicamento di alberi e di arbusti di altezza superiore a metri 1,50, necessità di livellamento senza sbancamento, assenza di necessità di realizzazione di strutture fisse per limitare le aree di sosta al fine di evitare cadute di auto o persone".

Le aree, che dovranno essere preferibilmente esterne ai confini del Parco Nazionale, andranno a supporto delle spiagge di: Le Ghiaie, Padulella, Capobianco, Acquaviva, Enfola, Biodola, S.Giovanni, Prade, Magazzini, Bagnaia e Viticcio.

La procedura di manifestazione d’interesse è dunque finalizzata alla verifica di disponibilità di aree da assumere in affitto per uso di parcheggio pubblico a pagamento da gestire direttamente o tramite operatori diversi, preferibilmente cooperative sociali.

Viene anche indicato il limite massimo da applicare alla tariffa di parcheggio: intera giornata 10 euro, mezza giornata 6 euro.La gestione potrà essere diretta del proprietario che dovrà a sua volta fornire la posa in opera della segnaletica stradale orizzontale e verticale e provvedere alla sistemazione e alla manutenzione delle aree e l'apposizione segnaletica interna.

"Come noto - spiega l'assessore Bertucci - durante la stagione turistica si registra una massiccia affluenza di utenza su alcune spiagge contestualmente alla mancanza di sufficienti spazi per la sosta di auto, e conseguentemente con l’instaurazione di situazioni di pericolo per la sosta dei veicoli lungo la viabilità".

"Questa affluenza determina una disordinata presenza di automezzi lungo le viabilità di accesso ai vari luoghi con pregiudizio della sicurezza della circolazione e limiti alla accessibilità alle spiagge per i mezzi di trasporto pubblico ed i mezzi in servizio di emergenza. 

Già in passato si era posto il problema di reperire aree idonee ed in alcuni casi furono assunti alcuni provvedimenti, vedi il caso della realizzazione del parcheggio adiacente al bar la Curva alle Prade, ma sono del tutto evidenti le problematicità che si registrano in altre località.

Forze di polizia, responsabili dei mezzi di primo soccorso, conducenti dei mezzi di trasporto pubblico hanno fatto presenti problematicità e rischi, la Prefettura di Livorno ha più volte evidenziato la necessità di provvedere a individuare soluzioni che rendano compatibile l’affluenza di bagnanti e l’accessibilità ai luoghi da parte dei mezzi di soccorso o di trasporto pubblico, oltre ad essere garantita concretamente la sicurezza della circolazione".

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata

Tag