QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 23°23° 
Domani 22°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 16 luglio 2018

Attualità mercoledì 21 marzo 2018 ore 00:44

Blu Navy, al via una stagione in cerca di conferme

Il management di Blu Navy

Presentata la stagione 2018. Aldo Negri: "Continueremo a perseguire la nostra volontà di espansione". Smentiti contrasti con i soci elbani



PORTOFERRAIO — Riparte venerdì 23 marzo l'attività di BluNavy, la compagnia di navigazione partecipata da soci elbani che da qualche anno opera sulla tratta Piombino - Portoferraio con cinque coppie di corse e con la motonave Acciarello in alternativa ai collegamenti offerti da Moby e Toremar. Alla presenza del management e dei soci elbani, BluNavy ha presentato nel pomeriggio di martedì 20 marzo alle autorità e alla stampa le novità della stagione, che in realtà non sono molte, alla luce della mancata accettazione della richiesta di ampliare gli slot a disposizione ma nello stesso tempo con alle spalle una annata come il 2017 dal segno ancora una volta positivo.

"In effetti la stagione 2018 ci chiama più che altro a delle conferme - ha commentato l'amministratore delegato Aldo Negri - anche se le prime proiezioni a livello di prenotazioni sono già positive; per quanto riguarda i nostri ben noti obiettivi di ampliamento delle corse e di inserimento di una seconda nave sulla tratta,  lavoreremo ovviamente per quella successiva. Sicuramente  - ha aggiunto Negri - la transizione dalla autorità portuale di Piombino ad una gestione unificata delle due autorità sta agevolando il dialogo;  i tempi ristretti non ci hanno permesso di poter ottenere già da questa stagione la possibilità di utilizzare degli slot per una seconda nave,  però confermiamo  di voler mettere in linea una seconda nave  e quindi di voler esercitare il servizio durante tutti i dodici mesi dell'anno. Nel frattempo,  si cerca di migliorare dal punto di vista della sicurezza e dell'accoglienza a bordo dei passeggeri, mentre  non ci sono grandissime novità commerciali dal punto di vista delle delle tariffe; confermiamo un trend che comunque è positivo,  l'isola sta rispondendo bene perché effettivamente anno dopo anno c'è una crescita delle presenze dei turisti sullo sul territorio".

"Cosa si può fare di più? Non molto, in queste condizioni pur accettabili sia per noi che per gli utenti- ha aggiunto ancora Negri - visto che per le tendenze vacanziere degli italiani i weekend sono già praticamente tutti sold out, stiamo provando a lavorare in collaborazione con l'Associazione Albergatori sul traffico infrasettimanale, incentivandolo in qualche modo a vicenda". 

Per il 2019 comunque qualcosa potrebbe cambiare, visto che l'Autorità  di Sistema Portuale ha dimostrato una maggiore apertura al dialogo rispetto a quanto avveniva in passato con l'Autorità Portuale di Piombino. "Più che di trattative  - ha precisato Negri - si parla di un dialogo per cercare di capire effettivamente come si possa migliorare l'offerta per il territorio e quindi non solo per il turista ma anche per il residente, per l'Isola d'Elba stessa;  quindi si sta cercando di capire effettivamente se le volontà di un operatore privato che ha deciso di investire sul territorio sia su Piombino che sull' Isola d'Elba possono essere accontentate nel rispetto di quella che è la sicurezza della navigazione. Un margine per ottenere qualcosa in più potrebbe essere rappresentato dalle corse  straordinarie, che ogni tanto altri operatori fanno a seconda delle necessità, e che non sono evidentemente un ostacolo per la sicurezza della navigazione. Bene, noi vorremmo che quelle corse straordinarie fatte da altri potessero di fatto diventare delle corse ordinarie".

La battuta conclusiva ha riguardato presunte voci che sono circolate su ipotesi di disaccordo fra la compagnia e i soci elbani. "Qualcuno ha provato a mettere zizzania - ha commentato Aldo Negri   - ma non è così, i  rapporti sono ottimi sia con la parte imprenditoriale che con gli utenti elbani dei nostri servizi.  Specie con i soci  non c'è divergenza di vedute: in fin dei conti  noi serviamo a loro, loro servono a noi e alla fine chi ne trae un beneficio è l'isola".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità