QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 20°20° 
Domani 20°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 20 ottobre 2017

Cronaca giovedì 04 agosto 2016 ore 11:06

Beccato il ladro di Lacona

I Carabinieri del Norm hanno individuato il ladro che si era introdotto nel ristorante Franco e Mirella portando via cassa e bottiglie di alcolici

PORTOFERRAIO — I Carabinieri dell’Aliquota Operativa del Comando Compagnia di Portoferraio, seguendo le tracce ed ottenendo importanti riscontri, hanno identificato e segnalato all’autorità giudiziaria livornese un uomo responsabile del furto perpetrato la notte del 27 luglio presso il ristorante Franco e Mirella a Lacona. 

Quella sera L.D. 35enne del Trentino Alto Adige, in vacanza sul territorio elbano con i genitori e la sorella, si era introdotto, forzando la porta d’ingresso, all’interno dell’esercizio pubblico e, dopo aver svuotato tutti i cassetti, si era impossessato di alcune bottiglie di super alcolici, di vini e di denaro custodito all’interno della cassa. 

I militari si erano messi da subito sulle tracce del ladro riuscendo a raccogliere alcuni elementi che convergevano verso il camping dove effettivamente l’uomo alloggiava. Peraltro agli investigatori risulta che lo stesso non era nuovo a comportamenti simili. 

La svolta è arrivata grazie alla visione di alcune telecamere con visore notturno opportunamente installate nelle immediate vicinanze della zona che hanno permesso di togliere ogni dubbio circa la paternità dell’azione criminale.

Le immediate perquisizioni dei Carabinieri al camper dell’uomo e della sua famiglia hanno permesso di rinvenire le bottiglie di super alcolici e le bottiglie di vino ancora intatte, che sono state immediatamente restituite ai legittimi proprietari. 

Ad L.D. non è rimasto altro da fare che confessare di essere stato l’unico autore del furto assumendosi la totale responsabilità di quanto accaduto che verrà concretizzata presso gli uffici del Tribunale di Livorno dove adesso rischia una condanna che può raggiungere i tre anni di reclusione. 

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Sport

Attualità

Attualità