QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 11° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 24 novembre 2017

Attualità martedì 12 settembre 2017 ore 10:00

Avis e Aido insieme per la solidarietà

Donatori elbani e umbri insieme per raggiungere traguardi sempre più importanti : "la coesione facilità l’amicizia e stimola la solidarietà"

PORTOFERRAIO — Avis e Aido insieme per la solidarietà. Questo lo scopo che domenica 10 settembre, ha visto riuniti i gruppi comunali dell’associazione italiana donatori di organi (AIDO) e dell’associazione donatori volontari di sangue (AVIS) appartenenti territorialmente al comprensorio del Trasimeno e gli analoghi gruppi comunali di Portoferraio, con la preziosa collaborazione delle rispettive Pro loco e dall'associazione nazionale di Perugia della Polizia di Stato. 

Nella suggestiva piazzetta titolata "Largo del donatore di sangue" ad accogliere il centinaio di ospiti , il Sindaco Mario Ferrari i Presidenti di Aido e Avis gli assessori Adalberto Bertucci , il dott. Luciano Rossi ed il vice presidente della Pro loco Marcello Bargellini tra i più attivi collaboratori nella realizzazione dell’incontro .
Dopo avere affisso nella piazzetta una corona , realizzata simbolicamente a forma di cuore, il corteo con i rispettivi Labari ha percorso Calata Mazzini e centro storico per giungere infine al centro congressuale De Laugier dove, il Sindaco di Portoferraio Mario Ferrari dopo il rituale benvenuto ha espresso con malcelata commozione il vivo cordoglio per la tragedia che si stava consumando in quelle ore a Livorno con le sue vittime;  dopo l'intervento del primo cittadino, hanno preso la parola i rappresentanti delle associazioni per un breve dibattito su “donazione di organi e donazione di sangue”
L’Avis e l’Aido - hanno detto nei loro interventi Il vicepresidente Avis Riccardo Nurra ed il presidente Aido Fabrizio Prianti - da sempre sono prima linea per sensibilizzare i cittadini a donare periodicamente il proprio sangue ed a decidere in vita di donare i propri organi senza lasciare a familiari e parenti , in caso di morte improvvisa la dolorosa scelta. Al termine, c’è stato uno scambio di doni tra le associazioni e il condiviso auspicio di ritrovarsi per il prossimo anno.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità