QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 24°26° 
Domani 23°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 01 luglio 2016

Attualità venerdì 18 marzo 2016 ore 12:17

1,5 milioni per un'isola con meno auto

Il progetto Elba Sharing è stato selezionato dall'Unione Europea: si punta sulla mobilità sostenibile per abbattere il traffico veicolare sull'isola

PORTOFERRAIO — Un'Elba con poche auto, meno traffico e una mobilità davvero sostenibile. E' questo l'obiettivo di lungo periodo che i Comuni elbani, Portoferraio e Rio Marina in testa, inseguiranno da qui a quattro anni grazie al finanziamento di un milione e mezzo di euro a fondo perduto accordato dalla Comunità europea.

Si chiama Elba Sharing e come afferma l'assessore comunale Angelo Del Mastro: "Si tratta di un cambio completo di mentalità sull'isola". Presentato questa mattina dai sindaci Mario Ferrari e Renzo Galli, Elba Sharing ha superato la concorrenza internazionale di 39 cordate che comprendevano circa 400 città europee finendo per essere uno dei 4 progetti completamente finanziati da Bruxelles.

In sostanza si tratta della creazione di un portale internet e diverse app per smartphone che innestino sulla realtà insulare il modello di condivisione dei mezzi di trasporto che sta facendo la fortuna di imprese come Blablacar e Uber. Un progetto che però investe a tutto tondo la mobilità urbana e extraurbana: dalle auto ai mezzi a due ruote fino alle imbarcazioni e che si avvale di numerosi partner tecnici privati.

Un disegno ambizioso che, se attecchirà bene, potrebbe rappresentare una rivoluzione per le abitudini non solo dei turisti ma degli elbani stessi. "Devo ringraziare pubblicamente il sindaco Galli - ha affermato Mario Ferrari - è lui che mi ha coinvolto nel progetto e ci ha creduto fin dall'inizio. Ora siamo contenti di farne parte e spero che gli altri comuni vogliano unirsi a noi perchè questo riguarda tutta l'Elba".

Il primo a essere interpellato sarà Campo nell'Elba: "Immaginate cosa vorrebbe dire per chi atterra a La Pila avere la disponibilità di mezzi di trasporto privati da condividere con altri turisti - è una grande soddisfazione aver raggiunto questo traguardo anche se il lavoro da fare è ancora molto, per questo abbiamo bisogno dell'aiuto di tutti".

I comuni di Portoferraio e Rio Marina, in qualità di partner del Progetto Civitas Destination messo a punto con la consulenza di MemEx di Livorno e Isis di Roma, sono destinatari del finanziamento, rispettivamente con le quote di 973.862 euro per Portoferraio e 612.102 euro per Rio Marina.

Nelle 6 località coinvolte, oltre l'Elba, Funchal (Portogallo), Las Palmas (Spagna), Limmassol (Cipro), La Valetta (Malta) e Rethymno, (Grecia), le soluzioni innovative verranno studiate, definite, implementate e valutate affrontando anche le differenze organizzative, operative, tecnologiche, di policy e di comportamento della domanda.

Le soluzioni realizzate costituiranno un prototipo per altre città turistiche europee interessate a realizzare soluzioni simili in contesti differenti e riqualificare gli stessi flussi turistici. 

In particolare il progetto Elba Sharing si baserà su le seguenti caratteristiche: Agenzia di gestione dei servizi in sharing (creazione di un’agenzia della mobilità per la pianificazione, gestione, prenotazione, integrazione e monitoraggio dei diversi servizi in sharing), Servizi in sharing rivolti principalmente ai turisti e comprendenti diverse modalità (macchina, scooter, biciclette e barche), Miglioramento servizi di trasporto per i turisti con la collaborazione con gli operatori di trasporto coinvolto (CTT-Nord e TIEMME) per l’ottimizzazione dei servizi di TPL per i turisti (aggiustamento degli orari, pass scontati per chi non imbarca la macchina, ecc.), SUMP integrato per l’Isola d’Elba Piano della Mobilità Urbana Sostenibile (SUMP) per i residenti e i turisti di tutti gli 8 Comuni, Prodotti integrati per turismo e mobilità con pacchetti hotel+TPL e altre soluzioni per incentivare l’uso dei servizi di mobilità da parte dei turisti, Piattaforma tecnologica per la gestione e l’integrazione dei servizi in sharing, Sistema integrato di pagamento smart card contact-less unica per pagare/utilizzare i diversi servizi di mobilità (TPL, parcheggi, ecc.), Sistema di raccolta e condivisione dei dati fra tutti gli operatori che gestiscono i servizi di mobilità a valore aggiunto, Logistica merci urbana con il consolidamento delle merci a Piombino e a Portoferraio per l’ultimo miglio e servizi di logistica dedicati per gli hotel, Servizi di localizzazione per garantire la sicurezza degli utenti dei servizi di sharing con un sistema GPS che permette di localizzare i veicoli (macchine, biciclette, barche,scooter) rispetto al punto d’origine e di identificare l’itinerario.

"Sarà un processo che si attuerà per gradi - commenta Galli - ma già da ora si può fare molto. Per l'acquisto di nuovi mezzi di trasporto è necessario coinvolgere i privati, pensiamo a una convenzione con i rent esistenti sull'isola". 

"Creeremo una struttura che segua il progetto nelle diverse fasi - annuncia Ferrari - verranno assunte tre persone che dovranno tenere i contatti con Bruxelles e che studi un piano di promozione: è il primo progetto di questo tipo in Toscana e il portale che verrà creato dovrà poi essere adeguatamente pubblicizzato per i turisti in arrivo".

La gara europea prevedeva che ai Comuni si affiancassero alcune manifestazioni di interesse di altri enti e sono stati individuati nelle associazioni di categoria (Confcommercio e Confesercenti), nell'Autorità portuale e nel Parco Nazionale. Il contratto con l'Unione Europea verrà firmato ufficialmente fra un mese e a quel punto partiranno gli studi di fattibilità ai quali seguirà la gara per l'affidamento della creazione del portale internet e delle app.  

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata

Tag