QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 18°33° 
Domani 17°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 30 luglio 2016

Cronaca venerdì 04 marzo 2016 ore 09:34

Pregiudicato fermato al porto con la droga

Un corriere della droga residente a Marciana Marina è stato fermato dalla Guardia di Finanza al porto di Piombino, aveva 51 grammi di eroina

PIOMBINO — Un cittadino tunisino in viaggio verso l'Elba è stato fermato al porto di Piombino dalla Guardia di Finanza che lo ha trovato in possesso di 51 grammi di eroina.

I finanzieri della Compagnia della Guardia di Finanza di Piombino, con l’ausilio dell’unità cinofila, hanno effettuato un controllo di routine quando hanno individuato un cittadino extracomunitario, di nazionalità tunisina, proveniente da Pisa Centrale, che, alla vista del cane antidroga, dava evidenti segni di nervosismo, cercando contestualmente di eludere il controllo cambiando repentinamente strada. 

Un comportamento che ha insospettito gli agenti che lo hanno fermato in tempo: il soggetto aveva nella propria mano destra un involucro avvolto da cellophane pronto per essere gettato, contenente circa 51 grammi lordi di sostanza stupefacente di tipo eroina. Il cittadino tunisino, residente all’Elba, stava per imbarcarsi sul traghetto diretto a Portoferraio per fare rientro a casa, dove presumibilmente avrebbe venduto la sostanza ai suoi avventori.

Disoccupato, residente a Marciana Marina, il tunisino risulta essere in Italia da molti anni e su di lui gravano numerosi precedenti di polizia per reati inerenti lo spaccio di stupefacenti. La sostanza stupefacente rinvenuta, che avrebbe fruttato allo spacciatore circa 2mila euro, è stata sottoposta a sequestro e la persona condotta agli arresti domiciliari, confermati dal GIP di Livorno in sede di udienza di convalida. 

Peraltro, il soggetto già tratto in arresto in passato proprio per spaccio di droghe, condannato in via definitiva con sentenze passate in giudicato, nel 2001, ad 1 anno e 6 mesi di reclusione e 10mila euro di multa, nel 2004 e nel 2006 con condanne per patteggiamento e le ultime nel 2007 e nel 2008.

Tag