QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 16°20° 
Domani 20°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 18 ottobre 2017

Politica mercoledì 21 settembre 2016 ore 12:15

"La Buona Scuola è naufragata alle prime piogge"

L'intervento del consigliere comunale Francesco Gentili sulla situazione scolastica nel comune e sulla riforma voluta dal governo

MARCIANA MARINA — "Ma quale buona scuola? La riforma enfaticamente così battezzata con cui il governo ha per mesi pubblicizzato la fine in tempi brevi dei docenti precari, la rincorsa ai supplenti è naufragata al primo acquazzone settembrino.

La caccia alla responsabilità del comandante Schettino è partita e il salvataggio del superstiti se c’è stato è solo grazie all’equipaggio degli Istituti Comprensivi che tra mille sofferenze in poco tempo sono riusciti a disincagliare e a rimettere in navigazione temporaneamente la scuola.

Non ci sono ancora orari regolari e certezze sulle nomine dei docenti ma almeno da una sola ora di lezione si è passati a quattro ore giornaliere come nel caso delle classi della scuola secondaria di Marciana Marina.

E’ già un qualcosa, ma sicuramente non sufficiente per un paese come l’Italia che dovrebbe garantire il diritto allo studio ed invece sembra dimenticarsene.

L’accorpamento dell’Istituto scolastico marinese/marcianese con quello campese se pur legalmente accettabile ha deluso per il momento, causa proprio il sovrapporsi delle novità e carenze della riforma scolastica perché si è sentito come non mai la lontananza dell’Istituto e di chi lo rappresenta dal sistema locale. 

Non penso sia umanamente possibile per un direttore presiedere l’intero territorio elbano, non mi piace fare demagogia ma mi piacerebbe che chi legifera e chi amministra prima di riformare si confronti con il sistema che intende rivoluzionare e poi prenda decisioni atte a valorizzare e salvaguardare aspetti sociali e aree di massima importanza come la scuola.

Basta ai tagli del personale, la perdita di un solo dipendente o che faccia il bidello o che sia un impiegato si ripercuote totalmente nel sistema scuola del territorio, l’incertezza del posto di lavoro per un insegnante penso sia profondamente demotivante per non parlare dell’ordine di prestare servizio a centinaia di chilometri dalla propria famiglia. 

Ordine perché questo sembra essere, quasi come se ci trovassimo in un sistema militare, fatto che a mio modesto avviso va contro alcuni principi costituzionali come quello della salvaguardia della famiglia. Insomma ma quale buona scuola e dove è finito lo stato sociale? 

Da una parte c’è la riforma da un’altra le consuete carenze degli enti pubblici locali che come ogni anno sono sistematicamente in ritardo per il regolare inizio e funzionamento dei servizi collegati alla scuola di loro competenza: vedi il servizio di trasporto degli alunni e la nomina degli educatori di sostegno.

Visto che la scuola da decenni si sa che inizia con il mese di settembre viene da chiedersi perché non si è mai pronti al suo inizio, è come se il giorno di Santa Chiara non fosse pronto lo spettacolo pirotecnico ma per fortuna questo non è mai successo.

Ma la domanda a cui mi aspetto come consigliere comunale e anche come genitore risposta è: dato che alla prima pioggia si è dovuto evacuare un’aula del nuovo plesso scolastico e sono caduti ben 15 pannelli di cartongesso e altri sono da ritenersi non sicuri che cosa ha fatto il mio comune in questi anni per evitare queste continue infiltrazioni d’acqua e come e quando intende procedere per evitare definitivamente che ciò possa risuccedere?".

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Sport

Attualità