QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 11°12° 
Domani 12°13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 26 febbraio 2017

Attualità giovedì 05 gennaio 2017 ore 11:31

"Differenziata, pago per un servizio che non c'è"

Ospitiamo la lettera di protesta inviata da Maria Gabriella Zampini sul servizio di raccolta differenziata nel comune di Marciana

MARCIANA — "E rieccomi qui, come l’anno scorso, a raccontarvi le mie disavventure con la raccolta differenziata del Comune di Marciana.

Vi faccio un breve riassunto: la mia casa (52 mq.) è in aperta campagna ed i rifiuti vengono sparsi in giro dagli animali prima che passino a raccoglierli; nel 2015, in un mese e mezzo (tanto è il tempo che la mia famiglia passa sull’Isola in un anno) i rifiuti sono stati prelevati con successo solo in 5 casi per un esborso totale di 339 euro. Fate voi i conti?

Dopo aver inviato una e-mail al Comune di Marciana alla quale non ho ricevuto alcuna risposta, ho deciso di pubblicare tale e-mail su alcune testate giornalistiche toscane che, gentilmente, mi hanno ospitata.

Risultato?

Una telefonata immediata del Responsabile per la Raccolta Differenziata Stefano Ambrosini il quale si dilunga a spiegarmi che i costi alti di quell’anno (2015) servivano a coprire l’avviamento della raccolta differenziata, che già nel prossimo anno le tasse si sarebbero abbassate e che tutto ciò sarebbe servito a verificare chi è residente e chi no al fine di far pagare equamente tutti.

Poi mi promette di far consegnare dei cassonetti personalizzati da mettere sul mio terreno a bordo strada, con chiave di sicurezza per evitare che gli animali li rovescino e che altre persone diverse da me vi sversino i loro rifiuti.

Prima di salire all’Elba lo chiamo come da accordi telefonici. "Eh, non sono più il responsabile. Ti do un altro contatto". Chiamo il contatto."Mi spiace ma io non c’entro nulla. Stefano si è sbagliato".

Vado comunque all’Elba e mi presento direttamente al Comune di Marciana. Faccio un po’ di anticamera chiacchierando con un amico che mi accompagna poi vengo ricevuta dalla segretaria del Sindaco alla quale spiego la questione. Lei resta basita e chiama il Sindaco Anna Bulgaresi, alla quale ripeto tutta la storia un’altra volta. Il Sindaco mi rassicura e mi dice che provvederà a farmi portare i famosi cassonetti. La segretaria scrive l’appunto su di un post-it giallo.

I cassonetti non sono mai arrivati. Da metà Luglio a fine Agosto 2016 (periodo di permanenza sull’Isola della mia famiglia) l’immondizia non è mai stata prelevata da casa mia perché sparsa come al solito dagli animali in ogni dove, oppure non è stata prelevata del tutto.

Quindi nessun prelievo a fronte di: prima rata 2016, scadenza 16/07/2016 di 103 euro, seconda rata 2016, scadenza 16/09/2016 di 102 euro ed una inconcepibile terza rata 2016 con scadenza 16/12/2016 che mi è arrivata solo il 02/01/2017 di 74 euro. Totale: 279 euro.

Eh, certo che la rata è calata, potreste commentare, ma visto che non c’è mai stata una sola raccolta nel periodo in cui sono stata sull’Isola e che sono stata costretta a portare di persona ciò che gli animali non si sono mangiati al punto di raccolta al parcheggio del Mercato di Procchio attivo solo una volta a settimana (il sabato) capirete che mi sento un po’ truffata?

E, comunque, come la vedete questa cifra a fronte di una permanenza di un mese e mezzo? 

No, è che io ho l’impressione che non ci sia alcuna intenzione di far pagare per quello che si preleva, ma solo di far pagare e basta, come se io risiedessi nel Comune di Marciana 12 mesi su 12 e l’immondizia mi venisse prelevata giornalmente con successo.

C’è qualcuno disposto a parlarne con me? Ma seriamente. Perché a questo punto mi sento decisamente presa in giro".

Tag