QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 14°16° 
Domani 19°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 20 settembre 2017

Attualità domenica 16 luglio 2017 ore 18:41

​Incendi, occorre più prevenzione e informazione

La foto è di Paolo Calcara

Le richieste di Legambiente ai Comuni: "Bisogna farsi trovare preparati"

CAMPO NELL'ELBA — Anche se Vigili del Fuoco, Protezione Civile, personale dell'Unione dei Comuni delle Colline Metallifere e forze dell’ordine stanno facendo un ottimo lavoro, mettendo in campo un impegno notevole, gli incendi scoppiati – per incredibile disattenzione o dolo – negli ultimi giorni all’Isola d’Elba fanno temere che, complici la siccità e il cambiamento climatico, si ripetano quelle terribili estati durante le quali dei delinquenti misero a fuoco la nostra isola.

"Per un’efficace opera di prevenzione degli incendi - dice oggi una nota di Legambiente - è fondamentale il ruolo dei Comuni, sia per una capillare opera di informazione sui comportamenti corretti da tenere, rivolta a turisti e cittadini (della quale non si vede traccia), sia per sospendere con apposite ordinanze ogni tipo di attività lavorativa che possa comportare - come sembra successo al Volterraio - la possibilità di appiccare involontariamente un incendio.

Ci pare necessaria - dicono ancora gli ambientalisti -  una riunione operativa tra tutti gli enti interessati, a partire dal Parco Nazionale, per affrontare subito questa emergenza informativa/comunicativa.

I Comuni devono anche realizzare e aggiornare costantemente il Catasto delle aree percorse dal fuoco, finalizzato alla predisposizione dei vincoli di uso dei suoli, al fine di impedire speculazioni economiche sulle aree dove si siano verificati incendi, così come previsto dalla legge 353/2000.

Inoltre, il ruolo degli Enti locali appare prioritario nelle attività di prevenzione degli incendi attraverso la cura e tutela del territorio e delle aree boschive, attraverso lo studio e la predisposizione di misure di mitigazione del rischio.

A livello più ampio, per Legambiente è fondamentale che si definisca al più presto una politica di adattamento ai cambiamenti climatici, attraverso adeguate politiche forestali. Occorre poi rafforzare il sistema dei controlli e degli interventi delle Forze dell’ordine nei confronti dei criminali che appiccano gli incendi. Oggi, oltre il delitto di incendio doloso di cui all’art. art.423 bis del codice penale, si può e si deve applicare la legge sugli ecoreati (la n.68/2015) e in particolare il reato di disastro ambientale secondo quanto previsto dall’art. 452 quater del codice penale, uno dei nuovi delitti introdotti dalla legge, che usa la mano dura contro chi attenta alla salubrità degli ecosistemi, incrementando - conclude la nota di Legambiente -  le pene fino a 15 anni di reclusione più le aggravanti".

Tag