QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 24°27° 
Domani 21°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 26 agosto 2016

Attualità lunedì 22 febbraio 2016 ore 09:16

Consumo di suolo, Marciana Marina batte tutti

Il rapporto Ispra sul consumo di suolo all'interno dell'arcipelago toscano fotografa la situazione elbana con il piccolo comune che svetta sugli altri

MARCIANA MARINA — Secondo il rapporto sul consumo di suolo in Italia dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra), nei Comuni dell’Arcipelago Toscano la peggiore è Marciana Marina, molto sopra la già altissima media nazionale italiana con il suo territorio in gran parte occupato da seconde case.

Anche Porto Azzurro e Portoferraio (nonostante la disabitata Montecristo) sono sopra la media nazionale. Rio Marina è in media con il consumo di suolo nazionale e molto più in alto di Comuni con un turismo più sviluppato.

Sorpresa a Capoliveri che, nonostante si sia costruito molto, si salva grazie al “polmone verde” del promontorio di Calamita. Campo nell’Elba abbassa la percentuale di territorio consumato grazie al massiccio del Capanne e a Pianosa. Sorprende il dato di Rio Elba che mantiene un basso consumo di territorio nonostante molto si sia costruito nelle frazioni costiere.

Buono il dato di Marciana, che risulta, anche grazie al Massiccio del Capanne, il Comune dell’Elba con meno consumo di territorio. I Comuni di Giglio e Capraia sono più virtuosi di quelli elbani e presentano un consumo di territorio che è meno della metà della media nazionale al Giglio/Giannutri e molto basso a Capraia.

Da una lettura dei dati del rapporto Ispra – che si fermano al 2012 - emerge che all’Isola d’Elba si è costruito molto nelle piane costiere, ma anche che l’istituzione del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano ha svolto un grosso ruolo nel contenimento dell’assalto al territorio.

Ecco il link alla cartografia Ispra

Tag