QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 20°20° 
Domani 20°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 19 ottobre 2017

Attualità sabato 12 agosto 2017 ore 09:58

Chiudono i negozi, Marciana resterà senza pane

Il borgo di Marciana

La denuncia è del giornalista Romano Bartoloni: "Il capoluogo del comune perderà a fine anno l'unico negozio di alimentari, mentre Poggio resiste"

MARCIANA — Un vero e proprio inviato dal marcianese. Romano Bartoloni, noto cronista romano con sessant'anni di Elba da vacanziere sulle spalle, ci racconta cosa sta succedendo nel borgo collinare elbano e nelle sue frazioni. Ecco il suo report e le sue considerazioni sulla chiusura progressiva dei negozi nei piccoli paesi elbani.

"Ai marcianesi tagliano i viveri. Nell'antico e storico borgo di Marciana, sede del Municipio con il più vasto territorio isolano da amministrare, e uno dei Comuni italiani con il più alto numero di anziani, entro l'anno si abbassa la saracinesca dell'ultimo negozio di alimentari finora in attività. Restano una farmacia, tabaccheria con edicola, ferramenta, banca e posta ridotti a mezzo servizio, ma non si venderà più nemmeno un tozzo di pane e due spaghetti. Scomparse altre due rivendite alimentari, e da tempo macelleria, frutta e verdura, pescheria, il paese rischia di deprimersi senza negozi di prima necessità come il vicino borgo di Poggio, un tempo fiore all' occhiello dell'Elba, e che, tuttavia, un forno lo ha ancora.

Paradosso dei paradossi mentre Marciana alta declina mettendo in crisi i suoi abitanti, i suoi satelliti periferici difendono con coraggio e determinazione i traguardi commerciali raggiunti. Pomonte, Zanca e persino il minuscolo Colle di Orano sfidano fino all'ultimo prodotto concorrenziale a prezzi stracciati la forza dei supermercati e le avversità ambientali.

Le cause indubbiamente molteplici dovranno essere affrontate con leale esame di coscienza da parte degli amministratori del posto. Il caro tasse, soprattutto locali, e rincari di affitti e di gestione sono diventati insopportabili per un'economia che, nonostante le decennali aspirazioni ad allungare la stagione turistica, vive solo grazie alle presenze estive. Peraltro, lo stesso fenomeno della crisi immobiliare e delle seconde case in vendita soffre gli alti prezzi dello strozzinaggio fiscale e del rincaro esponenziale dei costi di manutenzione".

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Sport

Attualità

Attualità