QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 14°16° 
Domani 14°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 27 aprile 2017

Attualità giovedì 16 giugno 2016 ore 15:33

Dissalatore di Mola, è la volta buona

Una serie di incontri per chiudere la fase progettuale dell'impianto che dovrà rendere l'isola indipendente, la prossima settimana i tecnici all'Elba

CAPOLIVERI — Il dissalatore di Mola, l'impianto di desalinizzazione dell'acqua che dovrà rendere l'Elba indipendente dalla condotta sottomarina proveniente dalla Val di Cornia, potrebbe vedere la luce in un futuro non molto lontano.

L'impianto, di cui si parla da un decennio ma che è caduto nel dimenticatoio da un paio di anni, è ora al centro di una serie di riunioni che puntano a chiudere in breve la fase progettuale: ieri in Regione si sono incontrati i tecnici di Asa, gli emissari del Comune di Capoliveri che segue la parte urbanistica, e i progettisti dell'opera per definire gli ultimi dettagli mentre già la prossima settimana è in agenda un nuovo incontro che si terrà all'Elba e durante il quale è previsto un sopralluogo sull'area interessata.

Area che, da tempo individuata, è in parte di proprietà di Asa, mentre per la restante parte verrà acquisita in futuro. L'impianto è invece più potente di quello che in un primo tempo si era ipotizzato e per il quale, nel novembre del 2011, era stato trovato un accordo fra Regione, Provincia, Ato e Comuni per 2 milioni e mezzo di euro: dagli originari 60 litri al secondo il nuovo impianto raggiungerà gli 80 litri al secondo, ragion per cui si pensa che possa arrivare a sostituire per gran parte dell'anno la fornitura di acqua proveniente da oltre canale.

In principio previsto a Marciana Marina, il dissalatore si appoggerà, sia per la trattazione dell'acqua salata che per la reimmissione del sale ottenuto dopo la trattazione dell'acqua, nella condotta a mare della spiaggia di Lido di Capoliveri. L'acqua ottenuta verrà invece inserita nella dorsale idrica che passa sopra Porto Azzurro. Il luogo scelto è la piana di Mola dalla parte di Lido e l'impianto si estenderà su una superficie di circa 1.800 mq.

La realizzazione dell'impianto servirà a porre rimedio all'annoso problema che si sviluppa in estate quando, a causa della grande affluenza di turisti sull'isola, il fabbisogno idrico aumenta esponenzialmente e la condotta idrica che arriva da Piombino non basta a soddisfare la domanda.

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata