QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 15° 
Domani 15°17° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 11 dicembre 2017

Attualità sabato 12 agosto 2017 ore 16:45

Tartarughini, potrebbe essere questione di ore

In basso al centro il piccolo cratere sul nido di tartaruga

Si è formato sul nido un piccolo cratere che potrebbe annunciare la schiusa delle uova. Sconsigliato andare sul posto, meglio seguire la webcam

CAMPO NELL'ELBA — Passati ormai la luna piena, i fuochi artificiali del Santo Patrono, la "mossa di tempo", è finalmente arrivata l'ora di mettere da parte gli auspici e fare riferimento a dati scientificamente certi per l'attesa schiusa delle uova di tartaruga marina che dal 20 giugno scorso sono depositate sulla spiaggia di Marina di Campo. La notizia certa arriva da questa notte, intorno alle una, quando nel tratto di spiaggia transennato è apparso un piccolo cratere, indicativo di solito della schiusa delle uova. Da quel momento il protocollo predisposto dall'Osservatorio Toscano per la Biodiversità della Regione Toscana, insieme a tutte le autorità ed associazioni preposte alla vigilanza su questo evento, detta le regole di comportamento da seguire strettamente per consentire che le tartarughine che sbucheranno dalla spiaggia possano arrivare al mare, concretizzando così l'attesa per questa che è probabilmente la notizia più importante dell'estate elbana.

Di solito - dicono gli esperti -  la schiusa avviene di notte perché i piccoli di tartaruga “approfittano” di un gradiente inverso di temperatura; ovvero attendono quelle ore notturne in cui la temperatura della camera di sabbia da cui sono circondati sia leggermente superiore a quella esterna superficiale. Di solito,  le ore in cui si verifica questa inversione sono quelle comprese tra le 2 e le 5,30 del mattino, orario indicativo in cui possiamo attenderci la schiusa, che potrebbe quindi essere questa notte stessa o nelle prossime 2/3 notti.

La sorveglianza intorno al nido è stata rafforzata, così come la recinzione del corridoio che dovrà accompagnare al mare i piccoli tartarughini. Tutti, volontari ed esperti, sanno perfettamente cosa devono fare e come si devono comportare. Il problema sarà rappresentato dalla disciplina delle persone che saranno inevitabilmente attratte dalla curiosità intorno al luogo dell'evento.

Nella riunione che si è tenuta nel pomeriggio di sabato 12 agosto tutti, dai volontari agli uomini della Capitaneria e dei Carabinieri Forestali, hanno ricevuto raccomandazioni ed indicazioni su come gestire questo aspetto. 

A parte la distanza obbligatoria dal luogo, su cui vigileranno le Forze dell'Ordine, sarà assolutamente vietato emettere qualsiasi fonte di luce, men che meno scattare flash con macchine fotografiche e smartphone. Il nostro consiglio per gli interessati e i curiosi, quindi , è quello di seguire l'evento nella webcam del Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano, andando direttamente sul sito www.islepark.it per evitare cattivi funzionamenti del collegamento.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità