QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 14°16° 
Domani 11°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 25 marzo 2017

Attualità sabato 11 giugno 2016 ore 17:16

Parcheggio privato nella pineta

La denuncia di Legambiente sul parcheggio a pagamento nella "pinetona" di Marina di Campo: "E a Galenzana non si sa dove fare il bagno"

CAMPO NELL'ELBA — "L’ultima novità è il nuovo parcheggio privato a pagamento nella pinetona dietro i bagni Tropical, che era rimasta, nella zona degli alberghi, se non un posto fruibile, dato che privata e recintata, almeno un luogo assolutamente naturale, una bella pineta ricca di aria balsamica e, sullo sfondo, il mare. È facile immaginarsela d'agosto, piena zeppa di macchine, i cui proprietari pagheranno 10 euro per poter avere il privilegio di parcheggiare in un così bel posto".

E' questa la denuncia di Legambiente che fotografa il nuovo spiazzo prospiciente la spiaggia di Marina di Campo che il privato a deciso di convertire a parcheggio. "Il litorale di Marina di Campo - continuano gli ambientalisti - sta perdendo giorno dopo giorno l'aspetto del paesino mediterraneo costruito lungo una bella spiaggia. Spiaggia un tempo molto fruibile perché in gran parte libera e ora quasi completamente occupata dagli stabilimenti balneari e dagli ex punti blu, ultimamente trasformati in nuovi stabilimenti balneari".

Torna il caso Galenzana: "Come se non bastasse, anche le spiagge più selvagge e isolate, da sempre mete preferite dei turisti amanti della natura e della tranquillità, ora sono piene di ombrelloni e sedie a sdraio a pagamento. Ancora una volta il caso più eclatante è quello di Galenzana, dove, come ci segnala una turista, è stato autorizzato a Galenzana il punto blu con 40 ombrelloni rendendo praticamente impraticabile la spiaggia, al momento non si riesce a passare non sono rispettati i 5 metri alla battigia".

"Mentre resta chiuso il sentiero pubblico costiero storico costiero sbarrato dai privati, a monte e a ridosso di quella che un tempo era una selvaggia spiaggia, anche nel territorio del Parco Nazionale, si ampliano strade per renderle carrabili, anche danneggiando antichi muretti a secco, e si realizzano spiazzi interamente disboscati che somigliano molto a parcheggi".