QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 19°19° 
Domani 19°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 31 maggio 2016

Cronaca domenica 24 gennaio 2016 ore 20:44

L'ancora ha danneggiato la barca del sub

Secondo i primi rilevamenti è stata una manovra sbagliata con l'ancora a danneggiare la Vittoria, l'imbarcazione che trasportava Giuseppe Mossini

CAMPO NELL'ELBA — La Vittoria, la barca che trasportava il corpo in fin di vita di Giuseppe Mossini, è arrivata al porto di Marina di Campo con la prua sotto il pelo dell'acqua e secondo i risultati dei primi rilievi è stata una manovra errata con l'ancora a causare l'inabissamento: i vigili del fuoco e i carabinieri che conducono le indagini hanno infatti rilevato che l'ancora ha sfondato la murata di dritta.

Probabilmente niente sarebbe cambiato per Mossini - fanno sapere  - ma è uno degli elementi che mancava per avere una ricostruzione completa della vicenda: per le cause del malore bisognerà invece attendere l'autopsia del medico legale.

I primi minuti dopo l'emergenza sono ricostruiti dalla Capitaneria di Porto: "Alle 15.30 la sala operativa di Portoferraio ha ricevuto una segnalazione, passata dal 118, relativa a un sub in difficoltà a bordo di una barca di 14 metri nelle acque del golfo di Marina di campo - recita la nota dei militari - a bordo con il sub si trovavano altre due persone che lo stavano assistendo durante l’immersione e hanno proceduto a metterlo in sicurezza a bordo". 

Gli operatori della Capitaneria hanno infatti proceduto a mettersi in contatto con i due ospiti di Mossini che "apparivano presi dal panico e inesperti della zona". E' stato lo stesso personale in contatto con loro a "rassicurarli e, accertata la loro posizione, a guidarli verso il vicino porto di Marina di Campo, dove erano già presenti i soccorsi sanitari unitamente al personale della Capitaneria e dei Carabinieri.

Giunti a destinazione i due mostravano evidenti difficoltà a manovrare la barca, che si presentava inoltre molto appruata, come se avesse imbarcato acqua. Immediatamente si il personale, grazie all’ausilio di un’unità da diporto privata, ha provveduto al trasbordo del malato a terra dove il personale del 118 ha cominciato le operazioni di rianimazione poi rivelatesi inutili. 

Le persone a bordo sono state nel frattempo accompagnate a terra da parte di una terza barca da diporto accorsa. Il sub, è stato dichiarato deceduto dal personale del 118 alle 16.32"

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata

Tag