QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 23°23° 
Domani 23°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 29 luglio 2016

Attualità venerdì 19 febbraio 2016 ore 10:41

​Aspettative degli operatori del porto campese

Una lettera dei pescatori di Marina di Campo fa il punto sulla situazione del porto e chiede maggiore impegno all'amministrazione

CAMPO NELL'ELBA — "Negli ultimi decenni il porto di Marina di Campo ha mostrato le sue criticità con aspetti molto negativi, che riguardano innanzitutto le imbarcazioni presenti ma anche, più in generale, l'economia locale. In pratica, particolarmente nel periodo estivo, mostra ancora tutti i suoi limiti per la sua rischiosità e l'insufficienza di servizi.

Per anni abbiamo fatto presente - scrivono gli operatori del porto campese - alle diverse amministrazioni comunali che sui sono succedute e alla Capitaneria di Porto di Portoferraio per competenza, gli inconvenienti spesso dannosi e talvolta anche drammatici conseguenti alla sfavorevole situazione. 

Nella seconda settimana di febbraio abbiamo avuto dei contatti con l'amministrazione comunale per capire come si intende procedere con i lavori per gli interventi previsti dal progetto, recentemente approvato, di potenziamento e messa in sicurezza dell'area marina portuale. Il progetto presentato all'Autorità portuale regionale Toscana dalla precedente amministrazione campese e portato avanti, con decisione e senza varianti da quella attuale, ha la necessaria copertura finanziaria. La realizzazione verrà gestita dall'Autorità stessa.

Il sindaco Lambardi e l'assessore De Rosas ci hanno comunicato che, secondo l'Action Plan generale, l'Autorità prevede il completamento degli interventi in tre anni. Si ritiene che entro l'estate 2018, condizioni atmosferiche permettendo, il porto ritornerà alla normale operatività con una risposta più aderente alle esigenze delle molteplici imbarcazioni presenti nell'area marina portuale nei vari periodi dell'anno. Il primo lotto di lavori (escavo e collocazione della catenaria) avrà inizio nel prossimo autunno e il secondo lotto (Muro di protezione e ricciolo del molo foraneo) in tempi immediatamente successivi.

Si è parlato, talvolta con forte animosità, delle attuali condizione di insicurezza e insufficienza. In particolare abbiamo evidenziato le difficoltà di navigazione e manovra per i bassi fondali, gli impedimenti negli attracchi e negli ormeggi, le complicazioni nel rifornimento di carburante, l'insufficienza di punti di ormeggio o attracco e infine l'esigenza del tempestivo spostamento delle imbarcazioni in altri porti elbani allorché le previsioni del tempo annunciano burrasche o tempeste.

In pratica, sia gli armatori che i capobarca, hanno voluto sottolineare che la situazione non è più sostenibile ed è necessario far attivare o attivare con la massima urgenza, secondo le competenze, gli interventi previsti nel porto. Ci auguriamo che il tutto proceda per il meglio senza ostacoli di nessun tipo. Richiediamo la massima attenzione nell'attuazione degli impegni operativi evitando slittamenti o ritardi".

Tag